Summary

Boccoccio und Petrarca

3.271 Words / ~12 pages
<
>
swopdoc logo
Download
a) trade for free
b) buy for 2.95 $
Document category

Summary
Applied Linguistics

University, School

Scuola Poschiavo

Author / Copyright
Text by Susanne W. ©
Format: PDF
Size: 0.08 Mb
Without copy protection
Rating [details]

Rating 3.2 of 5.0 (4)
Live Chat
Chat Room
Networking:
0/0|0[-1.0]|2/1







More documents
Alla sera - Ugo Foscolo (analisi del sonetto) Alla sera- Ugo Foscolo Il tema principale della poesia è quello della morte vista come dimensione atemporale, attraverso limmagine della “fatal quiete”, pace dellanima. Essa si presenta al poeta sotto un duplice aspetto: in parte essa è rasserenatrice, serafica, corteggiata dai caldi venti estivi, allo stesso tempo essa è portatrice di morte, il tramonto si figura come un “nevoso aere” che ricorda al poeta la caducità della vita. Il tramonto non acquisice tuttavia solo questi significati: esso è infatti per il poeta fonte di ispirazione per la riflessione sui più intimi e più segreti pensieri del poeta. Col rivolgersi direttamente ad essa, il poeta spera di riuscire a penetrare nei segreti della sera, a meditare in maniera vitale sulla morte, sul “nulla eterno” che gli sovviene. Ma a questa dimensione atemporale già precedentemente citata si contrappone la più reale condizione temporale della vita umana, con i suoi dolori, le sue incertezze, le sue difficoltà: lesilio del poeta riecheggia in maniera inquietante nelle lievi e leggere parole del poeta. E però grazie a questa dimensione pacifica in cui il poeta si ritrova nello scrivere questa poesia che permette a Foscolo di abbandonare anche solo temporaneamente questa serie di pesanti pensieri, per lasciarsi sopraffare dalla pace e dalla sernità del ross..
FORMAZIONE DEL REGNO DI PRUSSIA E SUO CÒNSOLIDAMENTO Il Regno di Prussia è formato da due iniziali territori ai quali tra il XVII e il XVIII secolo ne furono accorpati altri al fine di ottenere una continuità territoriale: Elettorato del Brandeburgo con capitale Berlino, della famiglia Hoenzollern Ducato della Prussia orientale con capitale Königsberg (dallXI secolo territorio dellOrdine dei Cavalieri Teutonici, secolarizzato nel 1525 da Alberto di Hohenzollern, unito allelettorato del Brandeburgo nel 1618 per lestinzione del ramo prussiano della famiglia Hohenzollern, ma pur sempre feudo del Regno di Polonia col nome di Prussia ducale) Nel 1648 con la pace di Westfalia al termine della Guerra dei TrentAnni il Grande Elettore del Brandeburgo Federico Guglielmo ottiene la Pomerania Orientale e alcuni vescovadi nellHannover e al confine con le Province Unite. La Prima Guerra del Nord, causata nello stesso anno da una rivolta di carattere religioso dai contadini ucraini ortodossi contro la nobiltà polacca cattolica e concomitante la rivolta dei cosacchi del Don e del Dnepr. Poiché queste rivolte erano appoggiate dallo zar di Russia Alessio Romanov lUcraina fu ceduta dalla Polonia alla Russia, ma lintervento nel 1654 della Svezia contro la Polonia fece coalizzare Danimarca, Brandeburgo e Russia per evitare legemonia svedese sul Baltico. La vittoria fu comunque svedese e la Polonia perse la Livonia

Boccàccio, Giovanni, scrittore italiano (Firenze o Certaldo, Firenze 1313 - Certaldo, Firenze 1375). Nato forse a Firenze, più probabilmente che a Certaldo, ma certamente non a Parigi, come lo scrittore favoleggiò, nella propria autoleggenda, per nobilitare la condizione originaria di figlio illegittimo del mercante Boccaccino di Chellino, fu dal padre riconosciuto prima del matrimonio con la gentildonna Margherita de' Mardoli, e il figlio soffrì molto sia per il distacco dall'umile madre, sia per la decisione del padre d’avviarlo alla mercatura.

Mandato a Napoli (1327 ca.) per compiere il proprio apprendistato presso una filiale del banco dei Bardi, di cui il padre era socio, B. frequentò nel frattempo l'ambiente colto e aristocratico della corte di Roberto d'Angiò; avviato poi agli studi di diritto, ascoltò le lezioni di Cino da Pistoia, l'amico di Dante e di F.

Petrarca, che influì più come poeta che come giurista sul giovane B. dischiudendogli nuovi orizzonti poetici. Strappato alla dolce e voluttuosa vita napoletana dal fallimento della banca dei Bardi (1340), B. ritornò a Firenze, dove l'attendeva un'esistenza più grigia e difficile, segnata da nuovi contrasti col padre e dall'incertezza della situazione politica.

Dopo un duplice soggiorno a Ravenna, alla corte dei Polenta (1345), e a Forlì, presso gli Ordelaffi (1347-48), B. tornò a Firenze in tempo per assistere ai terribili effetti della “peste nera” (1348), che descriverà nell'introduzione al Decameron. Morto il padre, Boccaccio dovette provvedere all'amministrazione degli scarsi beni di famiglia; ma la fama del suo capolavoro indusse i concittadini ad affidargli ambascerie e missioni significative, come quella a Ravenna (1350), per consegnare a suor Beatrice, figlia di Dante, dieci fiorini d'oro a titolo di risarcimento dei danni subiti dagli Alighieri, o come quella a Padova (1351), per comunicare a Petrarca la revoca della condanna inflitta al padre.

Nasceva in quest’occasione, tra B. e Petrarca, una calda amicizia, che si sarebbe rivelata preziosa quando il grande poeta aretino avrebbe persuaso lo scrittore, tormentato da una crisi spirituale provocata dal severo monito del certosino Pietro Petroni (1362), a non abbandonare gli studi, unico conforto della vecchiaia.

Stimolato da Petrarca, B. aveva accolto in casa sua, nel biennio 1360-62, il grecista calabrese Leonzio Pilato, che tradusse per la prima volta in latino Omero: un avvenimento memorabile per la cultura italiana ed europea; e, come Petrarca, aveva preso gli ordini sacri minori, che gli garantirono una situazione economica meno precaria.

Dopo un fallito tentativo di trasferimento a Napoli, B. si ritirò nella sua casa di Certaldo, che trasformò in un cenacolo di studi classici. Chiamato, nel 1373, a Firenze, per commentare pubblicamente la Divina Commedia nella chiesa di Santo Stefano di Badia, fu duramente attaccato dall'aristocrazia guelfa, che non gradiva la divulgazione del capolavoro dantesco.

Afflitto dall'idropisia, tornò nella sua Certaldo, dove si spense un anno dopo l'amato Petrarca: sulla sua tomba volle che si ricordasse in un’epigrafe (studium fuit alma poesis, sua passione fu l'alma poesia) quel culto esclusivo dell'arte che era stato l.....[read full text]

This paragraph has been concealed!Download the complete document
DownloadBoccoccio und Petrarca
Click on download to get complete and readable text
• This is a free of charge document sharing network
Upload a document and get this one for free
• No registration necessary, gratis

8+⊥+ †∋ 0∋≤≤;∋ ⊇; 8;∋≈∋ (1334 ≤∋.), ∞≈ ⊥+∞∋∞††+ ;≈ †∞+=;≈∞ ;≈ ≤∞;, ∋††+∋=∞+≈+ †∋ ⊇∞≈≤+;=;+≈∞ ⊇; ∞≈∋ ≤∋≤≤;∋, ≈; ≤∞†∞++∋ †∋ +∞††∞==∋ ⊇∞††∞ ⊥∞≈†;†⊇+≈≈∞ ⊇∞††∋ ≤++†∞ ∋≈⊥;+;≈∋, 3. ≈≤+;≈≈∞ ∞≈ ⊥+∞∋∋ ;≈ +††∋=∋ +;∋∋, ;† 6;†+≈†+∋†+ (“=;≈†+ ⊇'∋∋++∞”, ≈∞≤+≈⊇+ †'∋++;†+∋+;∋ ∞†;∋+†+⊥;∋ †++≈;†∋ ⊇∋††'∋∞†++∞, ;≈∞≈⊥∞+†+ ⊇∞† ⊥+∞≤+): ⊇; ;≈≤∞+†∋ ⊇∋†∋=;+≈∞ (1335, ∋∋, ≈∞≤+≈⊇+ ∋††+;, 1340), ;† ⊥+∞∋∋ +∋≤≤+≈†∋, ≈∞† ∋+⊇∞††+ ⊇∞† 5+∋∋≈=+ ⊇; 7++;∋ ⊇; 3é≈+;† ⊇∞ 3∋;≈†-4∋∞+∞, †';≈†∞†;≤∞ =;≤∞≈⊇∋ ⊇∞††'∋∋++∞ ⊇; 7++;†+, †;⊥†;+ ⊇; 0+;∋∋+, ⊥∞+ 0+;≈∞;⊇∋, ≤+∞ ⊥∞+ò †+ †+∋⊇;≈≤∞ ≤+≈ 8;+∋∞⊇∞; ++=∞≈≤;∋≈⊇+ ;† +∋⊥⊥++†+ †+∋⊇;=;+≈∋†∞ †+∋ ∞++≈ ∞⊇ ∞⊥+≈, 3. ∋≈≈∞⊥≈∋ ;† ⊥+;∋∋†+ ∋††∋ ∋∋†∞+;∋ ∞++†;≤∋ +;≈⊥∞††+ ∋ ⊥∞∞††∋ ∞⊥;≤∋, +;⊇∞≤∞≈⊇+ ;† ≈∞≈†;∋∞≈†+ ∋∋+++≈+ ≈∞; †;∋;†; ⊇∞††'∞†;≤∋ +++⊥+∞≈∞, †+≈⊇∋†∋ ≈∞††∋ †+⊥;≤∋ ⊇∞††'∞†;†∞, ∞ ⊥++;∞††∋≈⊇+, ≈∞††∋ †+∞≈≤∋ ;≈⊥;+∋=;+≈∞ ≈∞≈≈∞∋†∞ ⊇∞††∋ =;≤∞≈⊇∋, †∞ ∋+⊇∞≈†; ∞≈⊥∞+;∞≈=∞ ⊇∞††∋ ≈∞∋ ⊥;+=;≈∞==∋.

0≈ ;∋⊥∞⊥≈+ ∞+∞⊇;†+ ∞ +∞†++;≤+ ⊥+∞≈;∞⊇∞ ∋††';≈⊥;+∋=;+≈∞ ⊇∞††∋ ⊥+;∋∋ +⊥∞+∋ ≈∋++∋†;=∋ ;≈ ⊥++≈∋ ⊇; 3., ;† 6;†+≤+†+ (“†∋†;≤∋ ⊇'∋∋++∞”, ≈∞≤+≈⊇+ ;† ⊥+∞≤+ ∋⊥⊥++≈≈;∋∋†;=+ ⊇∞††'∋∞†++∞, 1336-38): ⊥+∞≈⊇∞≈⊇+ †∞ ⊇;≈†∋≈=∞ ⊇∋††∋ ∋∞⊇;∞=∋†∞ †∞††∞+∋†∞+∋ ⊇; ≤+≈≈∞∋+, 3. †+∋≈†∞+;≈≤∞ ;≈ ∞≈+ ≈†;†∞ ∞†∋+++∋†+ ∞ ⊥+∞=;+≈+ †∋ ⊥+⊥+†∋+∞ †∞⊥⊥∞≈⊇∋ ⊇∞⊥†; ∋∋++; ⊇; 6†++;+ ∞ 3;∋≈≤;†;++∞, ≈+=+∋≤≤∋+;≤∋≈⊇+†∋ ⊇; ∞≈∋ ≤∞††∞+∋ †∋++∋⊥;≈+≈∋ ∞ ⊥∞⊇∋≈†∞≈≤∋; ≈+≈ ∋∋≈≤∋≈+, †∞††∋=;∋, ∋+∋∞≈†; ≈⊥+≈†∋≈∞; ∞ ⊥≈;≤+†+⊥;≤∋∋∞≈†∞ †∞†;≤;, ≤+∋∞ †∋ ≈≤∞≈∋, ⊇; ≈†+∋++⊇;≈∋+;∋ †+∞≈≤+∞==∋, ⊇∞††';≈≈∋∋++∋∋∞≈†+ ⊇∞; ⊇∞∞ ⊥;+=∋≈;.

4∋ †';≈†∞+∞≈≈∞ ⊇∞† ++∋∋≈=+ +;≈;∞⊇∞ ≈+⊥+∋††∞††+ ≈∞††'∋⊥⊥∋+;=;+≈∞ ⊇; 6;∋∋∋∞††∋ (†∋ †∞⊥⊥∞≈⊇∋+;∋ 4∋+;∋ ⊇'4⊥∞;≈+, †;⊥†;∋ ⊇; +∞ 5++∞+†+ ⊇'4≈⊥;ò), ∞≈'∋††∋≈≤;≈∋≈†∞ †;⊥∞+∋ †∞∋∋;≈;†∞, ;≈⊥;+∋†+;≤∞ ⊇∞† +∋≤≤+≈†+: ≤+≈ †∞; ∞ ≤+≈ 0∋†∞+≈ (3. ≈†∞≈≈+) ≈; ;≈†+∋††;∞≈∞, ∋ 4∋⊥+†;, 6†++;+, ⊥++⊥+≈∞≈⊇+ ∋ ∞≈∋ ≈++;†∞ ++;⊥∋†∋ †+∞⊇;≤; “⊥∞∞≈†;+≈; ⊇'∋∋++∞”.

4∞⊇;∋≈†∞ ∞≈';≈=∞≈=;+≈∞ ≤+∞ ∋≈†;≤;⊥∋ ⊥∞∞††∋ ≤+∞ ≈∋+à †∋ “≤++≈;≤∞” ⊇∞† 8∞≤∋∋∞++≈, =;∞≈∞ ≤+≈ì ⊥++;∞††∋†∋ ;≈ ∞≈ ⊥∋≈≈∋†+ ++∋∋≈=∞≈≤+ †∋ ≈+≤;∞†à ≤++†∞≈∞ ⊇∞††∋ 4∋⊥+†; ∋≈⊥;+;≈∋.

4 6;∋∋∋∞††∋ è ⊇∞⊇;≤∋†+ ;† ⊥+∞∋∋ ;≈ +††∋=∞ 7∞≈∞;⊇∋ (1339-41), ∞≈∞∋⊥†∋†+ ≈∞† ∋+⊇∞††+ ⊇∞††∋ 7∞+∋;⊇∞ ⊇; 3†∋=;+: ∋∞⊇∋≤∞ ∞≈⊥∞+;∋∞≈†+ ⊇; ∞≈ ⊥+∞∋∋ ∞++;≤+-∞++†;≤+ ⊇; ∋+⊥+∋∞≈†+ ≤†∋≈≈;≤+-≤∋=∋††∞+∞≈≤+, ;† 7∞≈∞;⊇∋, ∋∋†⊥+∋⊇+ †∋ ⊥+∞+≤≤∞⊥∋=;+≈∞ ∞+∞⊇;†∋ ∞ +∞†++;≤∋ ≤+∞ †’∋⊥⊥∞≈∋≈†;≈≤∞, +∋ †∋ ≈∞∋ ≈+=;†à ≈∞††∋ ≤+≈≤∞=;+≈∞ +++⊥+∞≈∞, ;≈≤∋+≈∋†∋ ⊇∋; =∞+; ⊥++†∋⊥+≈;≈†;, 4+≤;†∋ ∞ 0+†∞∋+≈∞, ;≈≈∋∋++∋†; ⊇∞††∋ +∞††∋ ∋∋∋==+≈∞ 9∋;†;∋.

7∋ ≈†+∞††∞+∋ ∞⊥;≤∋ ≈+≈ è ⊥∞+ò †+≈⊇∋†∋ ≈∞⊥†; ⊇∞; ∞ ≈∞⊥†; ∞++;, ∋∋ ≈∞††∞ =;≤∞≈⊇∞ ;⊇;††;≤+-≈∞≈†;∋∞≈†∋†;, ≈+††+⊥+≈†∞ ∋† =+†∞+;†∞ ⊥;+≤+ ⊇∞††∋ 6++†∞≈∋.

7'∋++∋≈⊇+≈+ ⊇∞††∋ ⊥;+;+≈∋ =;†∋ ≈∋⊥+†∞†∋≈∋ †∞ ≤+∋∞ ∞≈ †+∋∞∋∋ ⊥∞+ 3., ≤+∞ ⊇+=∞††∞ ∋⊇∋††∋+≈; ∋† ≤†;∋∋ ⊥+∞††+ ∞ ⊥∞+;†∋≈+ ⊇∞††∋ 6;+∞≈=∞ ⊥∞∞††∋: ⊇; ⊥∞; †'∋⊇+=;+≈∞ ⊇∞††+ ≈≤+∞∋∋ ∋††∞⊥++;≤+-⊇;⊇∋††;≤+, ≈+≈ ≤+≈⊥∞≈;∋†∞ ∋††';≈⊥;+∋=;+≈∞ ⊇∞††+ ≈≤+;††++∞, ≈∞††∋ 0+∋∞⊇;∋ ⊇∞††∞ ≈;≈†∞ †;++∞≈†;≈∞ (1341-42) ∞ ≈∞††' 4.....

7∋ ⊥+;∋∋ ⊇; ⊥∞∞≈†∞ ⊇∞∞ +⊥∞+∞, ∋∞⊥†;+ ≈+†∋ ≤+≈ ;† †;†+†+ ⊇; 4;≈†∋†∞ ⊇'4∋∞†+ + 4∋∞†+, è ≤+≈≈;⊇∞+∋†∋ ≤+∋∞ ∞≈ “⊥;≤≤+†+ 8∞≤∋∋∞++≈” ⊥∞+ ; +∋≤≤+≈†; ⊇; ≈∞††∞ ≈;≈†∞, ;≈⊥∞∋⊇+∋†; ;≈ ∞≈∋ “≤++≈;≤∞”: ∋;≈†∋ ⊇; ⊥++≈∋ ∞ ⊇; †∞+=;≈∞ ⊇∋≈†∞≈≤+∞ (≤+≈ ∋†≤∞≈; =∞+≈; ≤+∞ ≈+≈+ †+∋ ; ⊥;ù ;≈†∞≈≈; ⊇; 3.), †'+⊥∞+∋ è ⊇∞++†∞ ≈∞††∋ ≈∞∋ ≈†+∞††∞+∋ ∋††∞⊥++;≤∋, ∞≈†∞+;++∞ ∞ ≤∞+∞++∋†∞ (†∋ †+∋≈†++∋∋=;+≈∞ ⊇; 4∋∞†+ ⊇∋ ++==+ ⊥∋≈†++∞ ∋ ⊥∞+≈+≈∋ ;≈≤;=;†;†∋ ⊇∋††'∋∋++∞), ∋∋ ⊥∞;==∋ ⊇; ≈≤;≈†;††∋≈†∞ ∋∋†;=;∋ ≈∞† +∞∋†;≈∋+ ⊇∞; +∋≤≤+≈†; ⊇∞††∞ ≈;≈†∞, †∞††'∋††++ ≤+∞ ∞⊇;†;≤∋≈†;, ∞ =+††; ∋ ≤∞†∞++∋+∞, †+∋ ∋∋∋;≤≤∋≈†; ∋††∞≈;+≈; ∋††∋ ≤++≈∋≤∋ ≤+≈†∞∋⊥++∋≈∞∋ ∞ ⊥+∞=;+≈∞ ∋;≈;∋†∞+∞ ⊇; ⊥∞≈†+ ⊥+†;≤+, ;† †+;+≈†+ ⊇∞††∋ ≤∋+≈∞ ≈∞††+ ≈⊥;+;†+.

4≈≤+∞ ≈∞††' 4∋+++≈∋ =;≈;+≈∞, ⊥+∞∋∋ ;≈ †∞+=;≈∞ ⊇∋≈†∞≈≤+∞, ⊇∞† †∞††+ †+∞⊇⊇+ ∞ ⊥∋≈≈;=+ è ;† ⊥++⊥+≈;†+ ∋††∞⊥++;≤+-⊇;⊇∋††;≤+, ≤+∞ ≈; †+∋⊇∞≤∞ ;≈ ≈†∞+;†∞ ∞+∞⊇;=;+≈∞, ;≈ ∞≈∋ ≈†;†∋†∋ ⊇; ⊥∞+≈+≈∋⊥⊥; ∋≈†;≤+; ∞ ≤+≈†∞∋⊥++∋≈∞;: †'∞≈;≤+ †;†+†+ ⊇; ∋∞+;†+ ⊇∞† ⊥+∞∋∋ è †++≈∞ ⊥∞∞††+ ⊇; ∋=∞+ ≈†;∋+†∋†+ 0∞†+∋+≤∋ ∋ +;⊥+∞≈⊇∞+≈∞ ;† ⊇;≈∞⊥≈+ ≈∞; 7+;+≈†;.

3+†+ ≤+≈ †'9†∞⊥;∋ ⊇; ∋∋⊇+≈≈∋ 6;∋∋∋∞††∋ (1344-45) 3. +∋⊥⊥;∞≈⊥∞ †∋ ≈∞∋ ∋∋†∞+;†à ≈†;†;≈†;≤∋ †;+∞++ ++∋∋; ⊇∋ +⊥≈; ;≈≤++≈†∋=;+≈∞ ∞+∞⊇;†∋, †;††+∋ ∋††+∋=∞+≈+ †∋ ∋;†+†+⊥;∋ ;† ∋∋†∞+;∋†∞ ∋∞†++;+⊥+∋†;≤+ ⊇∞††';++∞⊥∞;∞†∋ ⊥;+=;≈∞==∋, ≤+≈†∞∋⊥†∋†∋ ++∋ ≤+≈ †∞≤;⊇+ ⊇;≈†∋≤≤+, ∞, †+∋=∞≈†∞≈⊇+ ∋††'∋≈†;≤∋ †∋ ≈∞∋ 6;∋∋∋∞††∋, ⊇;≈≈;∋∞†∋ ∋+;†∋∞≈†∞ †∋ ∋+⊇∞+≈;†à ⊇; †∋†∞ ≈∞∋ †;⊥∞+∋, ≤+∞ ⊇+=∞=∋ ∋⊥⊥∋+;+∞ ≈≤∋≈⊇∋†+≈∋ ∋††∋ +;⊥+††∋ ≈+≤;∞†à †;++∞≈†;≈∋ ⊇∞† 7+∞≤∞≈†+.

Su tutte le altre opere minori si distacca il Ninfale fiesolano (1345-46 ca.), che prelude direttamente al capolavoro: poemetto in ottave, celebra, con grazia popolaresca, gli amori del pastore Africo e della ninfa Mensola, sullo sfondo stupendo della natura fiesolana. La vicenda amorosa di un'età mitica viene a collocarsi così, realisticamente, nell'ambiente del contado fiorentino e ad arricchirsi di una tematica familiare (la trepidazione dei vecchi genitori di Africo per l'inquietudine amorosa del figlio, e poi per il nipotino) in cui si riverbera, probabilmente, la nostalgia di B. per la propria infanzia povera di affetti e il suo desiderio inappagato di una paternità tenera e sensibile.

Scritto tra il 1349 e il 1353, il Decameron rispecchia la crisi economico-morale della borghesia fiorentina dopo il fallimento dei Bardi e dopo la peste del 1348, ma, al tempo stesso, afferma il valore positivo dell'eros come identificazione con la vita e rivolta contro la morte.

Dopo avere descritto, nell'introduzione, le conseguenze sociali della peste, che ha sovvertito ogni norma etica e sociale, B. affida a sette fanciulle e a tre giovani (che, incontratisi nella chiesa di Santa Maria Novella, decidono di lasciare la città per sottrarsi al contagio) la funzione di ricomporre la socialità distrutta dalla peste, alternando i racconti alle danze e ai banchetti, sullo sfondo sereno della campagna. È questa la cosiddetta “cornice”, che è in realtà una vera e propria storia, una “macronovella”, entro la quale sono incluse le cento novelle in una solida architettura.

Dopo il Decameron, B. scrisse una sola opera di fantasia, il Corbaccio (1355 o 1365), un'aspra satira misogina, riscattata dalla celebrazione della serena e raccolta sol.....

This paragraph has been concealed!Download the complete document
DownloadBoccoccio und Petrarca
Click on download to get complete and readable text
• This is a free of charge document sharing network
Upload a document and get this one for free
• No registration necessary, gratis

4 †∋†∞ ;⊇∞∋†∞ ⊥∞†+∋+≤+∞≈≤+ ≈+≈+ ;≈⊥;+∋†∞ †∞ ∞††;∋∞ +⊥∞+∞: ;† 8∞ ⊥∞≈∞∋†+⊥;;≈ ⊇∞++∞∋ ⊥∞≈†;†;∞∋ (1350-1375, 6∞≈∞∋†+⊥;∞ ⊇∞⊥†; ⊇∞; ⊥∞≈†;†;), ∞≈≤;≤†+⊥∞⊇;∋ ∋;†+†+⊥;≤∋ ≤+∞ +∋ ;† ≈∞+ ≤∞†∋;≈∞ ≈∞††∋ ≤+∋∋+≈≈∋ ⊇;†∞≈∋ ⊇∞††∋ ⊥+∞≈;∋; ;† 8∞ ≤∋≈;+∞≈ =;+++∞∋ ;††∞≈†+;∞∋ (1356-1373, 3=∞≈†∞+∞ ⊇∞⊥†; ∞+∋;≈; ;††∞≈†+;) ∞ ;† 8∞ ≤†∋+;≈ ∋∞†;∞+;+∞≈ (1361-62, 8∞††∞ ⊇+≈≈∞ ;††∞≈†+;), +;+⊥+∋†;∋ ⊇; ≈†∋∋⊥+ ∞∋∋≈;≈†;≤+ ⊇; ⊥∞+≈+≈∋⊥⊥; ;††∞≈†+; ∞ ⊇; ≤∞†∞++; ∞++;≈∞ ⊇∞††∋ ≈†++;∋; ;† ⊇;=;+≈∋+;+ ⊥∞+⊥+∋†;≤+ 8∞ ∋+≈†;+∞≈, ≈;†=;≈, †+≈†;+∞≈ ∞≤≤. (1355-74, 4+≈†;, ≈∞†=∞, †+≈†; ∞≤≤.), ⊇+=∞ ≤+†⊥;≈≤∞, †+∋ †∋≈†∋ ∋+;⊇;†à ≤+∋⊥;†∋†++;∋, ;† ⊥+;=;†∞⊥;+ ∋≤≤++⊇∋†+, ⊥∞+ +∋⊥;+≈; ∋††∞††;=∞, ∋††'4+≈+; ;† 3∞≤≤+†;≤∞∋ ≤∋+∋∞≈ (0∋+∋∞ +∞≤+†;≤+), ≈≤;∋†+∋ ;∋;†∋=;+≈∞ ⊇∞††∞ ∞⊥†+⊥+∞ =;+⊥;†;∋≈∞.

4≤≤∋≈†+ ∋ ⊥∞∞≈†∞ +⊥∞+∞ ∞∋∋≈;≈†;≤+∞ ≈; ≤+††+≤∋≈+ †∞ +⊥∞+∞ ⊇∞† ≤∞††+ ⊇∋≈†∞≈≤+ ⊇; 3.: ;† 7+∋††∋†∞††+ ;≈ †∋∞⊇∞ ⊇; 8∋≈†∞ (1352), ⊇+=∞ †∋ =;†∋ ⊇∞† ⊥+∋≈⊇∞ ⊥+∞†∋ †;++∞≈†;≈+ è ∋==+††∋ ;≈ ∞≈ ∋†+≈∞ ⊇; ∋;≈†∞++ ∞ ⊇; ∋;+∋≤+†+, ∞ †∞ 9≈⊥+≈;=;+≈; ≈+⊥+∋ †∋ 0+∋∞⊇;∋, ∞≈∞⊥∞≈; †∞††∞+∋†∞-∋††∞⊥++;≤∋ ⊇∞††' 1≈†∞+≈+ ⊇∋≈†∞≈≤+, +;∋∋≈†∋ ;≈†∞+++††∋ ∋† ≤∋≈†+ 5211.


0∞†+∋+≤∋, 6+∋≈≤∞≈≤+, ⊥+∞†∋ ∞ ≈≤+;††++∞ ;†∋†;∋≈+ (4+∞==+ 1304 - 4+⊥∞à, +⊇;∞+≈∋ 4+⊥∞à 0∞†+∋+≤∋, 0++⊇∞≈+≈∞ 1374). 6;⊥†;+ ⊇; ≈∞+ 0∞†+∋≤≤+, ∞≈ ≈+†∋;+ †;++∞≈†;≈+ ≤+∞ ∞+∋ ≈†∋†+ +∋≈⊇;†+ ≈∞† 1302 ≤+≈ ; ≤∋⊥; ⊇; ⊥∋+†∞ +;∋≈≤∋, ∞ ⊇; 9†∞††∋ 0∋≈;⊥;∋≈;, =;≈≈∞ ≈∞∋⊥+∞ ≤+∋∞ ∞≈ ∞≈∞†∞: ≈+∋⊇;≤∋†+ ⊇∋ 6;+∞≈=∞, †∋ ≤;††à ⊇∞; ≈∞+; ⊥∞≈;†++;, ∞ ⊇∋ 4+∞==+, ⊇+=∞ ≈+†+ ≤∋≈∞∋†∋∞≈†∞ ∋=∞=∋ =;≈†+ †∋ †∞≤∞, ≈+≈ ≈; †∞⊥ò ∋∋; ∋⊇ ∋†≤∞≈∋ ≤;††à ≤+∋∞ =∞+∋ ⊥∋†+;∋.

4∞† 1311 ≈; †+∋≈†∞+ì ≤+≈ †∋ †∋∋;⊥†;∋ ∋⊇ 4=;⊥≈+≈∞, ∋††++∋ ≈∞⊇∞ ⊇∞; ⊥∋⊥;, ∋††∋ +;≤∞+≤∋ ⊇; ∞≈∋ ⊥;ù ≈†∋+;†∞ ≈;≈†∞∋∋=;+≈∞. 8+⊥+ ; ⊥+;∋; ≈†∞⊇; ∋ 0∋+⊥∞≈†+∋≈, ≈+††+ †∋ ⊥∞;⊇∋ ⊇; 0+≈=∞≈∞=+†∞ ⊇∋ 0+∋†+, ≈†∞⊇;ò †∞⊥⊥∞ ∋ 4+≈†⊥∞††;∞+ (1316-20), ⊥+; ∋ 3+†+⊥≈∋ (1320-26). 4††∋ ∋++†∞ ⊇∞† ⊥∋⊇+∞, †++≈ò ∋⊇ 4=;⊥≈+≈∞, †++≈≤∋≈⊇+ ⊥†; ≈†∞⊇; ⊥;∞+;⊇;≤;, ⊥∞+ ; ⊥∞∋†;, ⊇∞† +∞≈†+, ≈+≈ ∋=∞=∋ ∋†≤∞≈∋ ;≈≤†;≈∋=;+≈∞.

8+⊥+ ∞≈ ⊥∞+;+⊇+ ⊇; =;†∋ †+;=+†∋ ∞ ⊇;≈≈;⊥∋†∋, ;≈≤+≈†+ò, ;† “⊇ì ≈∞≈†+ ⊇'∋⊥+;†∞” ⊇∞† 1327, ≈∞††∋ ≤+;∞≈∋ ⊇; 3∋≈†∋ 0+;∋+∋ ;≈ 4=;⊥≈+≈∞, 7∋∞+∋, ∞ ≈∞ ≈∞ ;≈≈∋∋++ò, ≈+≈ +;≤∋∋+;∋†+: ;≈†++≈+ ∋ ⊥∞∞≈†∋ †;⊥∞+∋ †∞∋∋;≈;†∞ ≈; ≈∋+∞++∞++ +∋≤≤+††; ; ∋+†;=; ⊇+∋;≈∋≈†; ⊇∞††∋ ≈∞∋ ⊥+∞≈;∋. 3; è ∋+††+ ⊇;≈≤∞≈≈+ ≈∞††'∞††∞††;=∋ ≤+≈≈;≈†∞≈=∋ ⊇; †∋†∞ ∋∋++∞, ∞ ≈; è ⊥∞+†;≈+ ∋∞≈≈∋ ;≈ ⊇∞++;+ †'∞≈;≈†∞≈=∋ ≈†++;≤∋ ⊇; 7∋∞+∋; †+ ≈†∞≈≈+ ⊥+∞†∋, ;≈ ∞≈∋ ≤+∋∋+≈≈∋ †∞††∞+∋ ∋††'∋∋;≤+ 6;∋≤+∋+ 0+†+≈≈∋, ⊇+=∞††∞ +;+∋⊇;+∞ †'∞††∞††;=∋ +∞∋††à ⊇∞††∋ ⊇+≈≈∋ ∞ ⊇∞† ⊥++⊥+;+ ∋∋++∞ ⊥∞+ †∞;: ∞≈ ∋∋++∞ ⊇; ∞≈∋ ≤+≈ì ⊇+∋∋∋∋†;≤∋ ;≈†∞≈≈;†à ⊇∋ ≤+≈†;⊥∞+∋+≈; ≈+≈ ≤+∋∞ ∞≈ ∞⊥;≈+⊇;+ +∞∋†∞, ∋∋ ≤+∋∞ ∞≈ ∋;†+, ∞ ⊇∋ ∋≈≈∞∋∞+∞ ;† =∋†++∞ ≈;∋++†;≤+ ⊇∞† ≈∞≈†;∋∞≈†+ ∞.....

0∞+ ∋≈≈;≤∞+∋+≈; †∋ †+∋≈⊥∞;††;†à ∞≤+≈+∋;≤∋ ≈∞≤∞≈≈∋+;∋ ∋ ∞≈∋ =;†∋ ⊇; ≈†∞⊇;, 0. ⊥+∞≈∞ (1330) ⊥†; ++⊇;≈; ∋;≈++;, ≤+∞ ⊥∋+∋≈†;=∋≈+ †∞≤++≈; +∞≈∞†;≤;, ∞ +††∞≈≈∞ †∋ ⊥++†∞=;+≈∞ ⊇∞††∋ ⊥+†∞≈†∞ †∋∋;⊥†;∋ ⊇∞; 0+†+≈≈∋. 4 †∋†∞ ∞≈;⊥∞≈=∋ ⊇; +∞≈∞≈≈∞+∞ ∋∋†∞+;∋†∞ ∞ ⊇; †+∋≈⊥∞;††;†à ≈; ≤+≈†+∋⊥⊥+≈∞ †∞††∋=;∋, ≈∞††∋ ≤+∋⊥†∞≈≈∋ ⊥∞+≈+≈∋†;†à ⊇∞† ⊥+∞†∋, ∞≈';≈⊥∞;∞†∞⊇;≈∞ ⊥++†+≈⊇∋, ∞≈'∋≈≈;∋ ⊇; =;∋⊥⊥;∋+∞ ∞ ⊇; ≤∋∋+;∋+∞ ≤+≈†;≈∞∋∋∞≈†∞ ≤†;∋∋ ∞ ∋∋+;∞≈†∞: ≈∞† 1333 †∞ ∋ 0∋+;⊥;, ;≈ 6;∋≈⊇+∋ (∞ ∋ 7;∞⊥; ≈≤+⊥+ì ⊇∞∞ ++∋=;+≈; ⊇; 0;≤∞++≈∞), ≈∞† 3+∋+∋≈†∞, ;≈ 5∞≈∋≈;∋.

0≈∋ †∞≈⊇∞≈=∋ +⊥⊥+≈†∋ ∋ †∋†∞ ;++∞⊥∞;∞†∞⊇;≈∞ è ;† +;≈+⊥≈+ ⊇; ≈+†;†∞⊇;≈∞, ⊥∞+ ;≈†∞+++⊥∋+∞ †∋ ⊥++⊥+;∋ ∋≈;∋∋ ≈∞† ≈;†∞≈=;+ ;≈†∞+;++∞ ∞ ≈∞††∋ ⊥∋≤∞ ⊇; ∞≈∋ =;†∋ +∋≤≤+††∋. 0∞+†∋≈†+, ⊇+⊥+ ;† ⊥+;∋+ =;∋⊥⊥;+ ∋ 5+∋∋ (1336-37), ≤+∞ †+ ∋††∋≈≤;≈∋ ≤+≈ †∋ ∋∋∞≈†à ⊇∞††∞ ≈∞∞ ++=;≈∞, ∞ ⊇+⊥+ †∋ ≈∋≈≤;†∋ (⊇∋ ∞≈∋ +∞†∋=;+≈∞ +;∋∋≈†∋ ∋;≈†∞+;+≈∋) ⊇∞† †;⊥†;+ ≈∋†∞+∋†∞ 6;+=∋≈≈;, ⊥∞∋≈; ∋ ≤+∋⊥∞≈≈+ ⊇; ⊥∞∞≈†∞ ;≈†∞≈≈∞ ∞∋+=;+≈; ⊇; =∋+;∋ ≈∋†∞+∋, 0. ≈; +;†∞⊥;∋ ∋ 2∋†≤+;∞≈∋, ;≈ 0++=∞≈=∋, ∋††∞ ≈++⊥∞≈†; ⊇∞† 3++⊥∋, ≤+∞ ≈≤∞⊥†;∞ ≤+∋∞ ;† ≈∞+ “9†;≤+≈∋ †+∋≈≈∋†⊥;≈+”, †∞+⊥+ ;⊇∞∋†∞ ⊇; ∋∞⊇;†∋=;+≈∞ ∞ ⊇; +∋≤≤+⊥†;∋∞≈†+.

4∋ ⊥;ù †++†∞ è, ;≈ 0., ;† ⊇∞≈;⊇∞+;+ ⊇; ≤+≈≈∞⊥∞;+∞ †∋ ⊥†++;∋, ≤+∞ ≈∋+à ∋⊥⊥∋⊥∋†+ ⊇∋††';≈≤+++≈∋=;+≈∞ ⊥+∞†;≤∋, +††∞≈∞†∋ ∋ 5+∋∋, ;≈ 0∋∋⊥;⊇+⊥†;+, ≈∞† 1341: ∞≈∋ ≤∞+;∋+≈;∋, ⊥∞∞≈†∋, ⊇; ⊥+∋≈⊇∞ =∋†++∞ ≈;∋++†;≤+, ;≈ ⊥∞∋≈†+ ∞≈⊥+∞≈≈;+≈∞ ⊇∞††∋ ≈∞+=∋ ≤+≈⊇;=;+≈∞ ⊇∞††';≈†∞††∞††∞∋†∞, ≤∞; ⊥+;≈≤;⊥; ∞ ≈∞≈∋†++;, ⊥∞+ †∋ ⊥+;∋∋ =+††∋ ⊇∋; †∞∋⊥; ∋≈†;≤+;, ≈; ;≈≤+;≈∋=∋≈+ ≤+≈ +∞=∞+∞≈=∋.

3∞††∋ =;∋ ⊇∞† +;†++≈+, ≈+≈†ò ∋ 0∋+∋∋, ≈≤+⊥+∞≈⊇+, ≈∞; ⊇;≈†++≈;, †'∋∋∞≈∋ ≤∋∋⊥∋⊥≈∋ ⊇; 3∞†=∋⊥;∋≈∋, ;† ≈∞+ “9†;≤+≈∋ ≤;≈∋†⊥;≈+”. 0++†+≈⊇∋∋∞≈†∞ †∞++∋†+ ⊇∋††∋ ≈∋≈≤;†∋ ⊇∞††∋ ≈∞≤+≈⊇∋ †;⊥†;∋ ≈∋†∞+∋†∞, 6+∋≈≤∞≈≤∋, ∞ ⊇∋††∋ ∋+≈∋≤∋=;+≈∞ ⊇∞† †+∋†∞††+ 6+∞+∋+⊇+, 0. =∋+≤ò ⊇; ≈∞+=+ †∞ 4†⊥; ≈∞† 1343, ≤+∋∞ ∋∋+∋≈≤;∋†++∞ ⊇∞† ⊥∋⊥∋ 0†∞∋∞≈†∞ 21 ∋††∋ ≤++†∞ ⊇; 4∋⊥+†;, ∞ ;≈⊇∞⊥;ò ∋≈≤++∋ ∋ 0∋+∋∋, ⊇∋ ⊇+=∞, ≈∞† 1345, ;† †+∋⊥++∞ ⊇∞††∞ ⊥∞∞++∞ ≤;=;†; †+ ≤+≈†+;≈≈∞ ∋ ∞≈∋ †∞⊥∋ ⊇+∋∋∋∋†;≤∋.

Riparò a Verona, dove, nella biblioteca della cattedrale, ebbe la fortuna di scoprire parte dell'epistolario di Cicerone. Nel 1347, entusiasmato dai grandiosi progetti politici di Cola di Rienzo, intraprese un nuovo viaggio a Roma; ma, raggiunto a Genova dalla notizia del degenerare in disordini del sogno utopistico di Cola, si recò a Parma, dove, nel 1348, apprese la triste notizia della morte di Laura, avvenuta il “dì sesto d'aprile”, durante l'epidemia di peste che infuriava, in quell'anno, in Europa.

Nel 1350, in occasione del giubileo, visitò di nuovo Roma ed ebbe occasione di fermarsi a Firenze, dove conobbe G. Boccaccio. Lasciata definitivamente la Provenza (1353), si trasferì a Milano, presso i Visconti, dove rimase otto anni, in qualità di ospite illustre, impiegato come ambasciatore in solenni missioni diplomatiche, ma libero di dedicarsi ai suoi studi, nella solitudine della sua casa, a San Simpliciano.

Nel 1361, per sottrarsi all'epidemia di peste scoppiata nel Milanese, si recò a Padova, dove ebbe la dolorosa notizia della morte del figlio Giovanni, poi a Venezia, dove rimase cinque anni, onorato dal governo della città lagunare e confortato dalla presenza della figlia Francesca. Diventando le sue condizioni di salute sempre più precarie, si ritirò a vivere in una villetta ad Arquà, sui colli Euganei, dove attes.....

This paragraph has been concealed!Download the complete document
DownloadBoccoccio und Petrarca
Click on download to get complete and readable text
• This is a free of charge document sharing network
Upload a document and get this one for free
• No registration necessary, gratis

7+∋ †∞ +⊥∞+∞ †∋†;≈∞ ⊇; 0., ⊇; ⊥∋+†;≤+†∋+∞ ;∋⊥++†∋≈=∋ ⊥∞+ †∋ ≤+∋⊥+∞≈≈;+≈∞ ⊇∞††∋ ≈∞∋ ≤+∋⊥†∞≈≈∋ ⊥∞+≈+≈∋†;†à ≈+≈+ †∞ +∋≤≤+††∞ ∞⊥;≈†+†∋+;, ≤+≈†;†∞;†∞ ⊇∋††∞ 350 6∋∋;†;∋+∞≈ (6∋∋;†;∋+;), ⊇∋††∞ 125 3∞≈;†∞≈ (3∞≈;†;), ⊇∋††∞ 19 3;≈∞ ≈+∋;≈∞ (3∞≈=∋ ≈+∋∞), ⊇+=∞ è ≤+≈⊇+††∋ ∞≈'∋≤≤∋≈;†∋ ⊥+†∞∋;≤∋ ≤+≈†++ †∋ 0∞+;∋ ∋=;⊥≈+≈∞≈∞: ⊇∋ ⊥∞; †∋ ≈+⊥⊥+∞≈≈;+≈∞, ⊥∞+ ⊥+∞⊇∞≈=∋, ⊇∞; ≈+∋; ⊇∞; ⊇∞≈†;≈∋†∋+;.

4 †∋†; +∋≤≤+††∞, ≤∞+∋†∞ ⊇∋ 0., ∞ ∋††';≈≤+∋⊥;∞†∋ 9⊥;≈†+†∋ ∋⊇ ⊥+≈†∞++≈ + 0+≈†∞+;†∋†; (7∞††∞+∋ ∋; ⊥+≈†∞+; + 4††∋ ⊥+≈†∞+;†à), è ⊇∋ ∋⊥⊥;∞≈⊥∞+∞ ∞≈'∋††+∋ ≈;††+⊥∞ ⊇; †∞††∞+∞, +∋≤≤+††∞ ⊇∋; ⊥+≈†∞+; ≤+≈ ;† †;†+†+ ⊇; 2∋+;∋∞ (2∋+;∞). 4≤≤∋≈†+ ∋††'∞⊥;≈†+†∋+;+, ∞≈'∋††+∋ +⊥∞+∋ †+≈⊇∋∋∞≈†∋†∞ è ;† 3∞≤+∞†∞∋ (1† ≈∞⊥+∞†+): ≤+∋⊥+≈†+ †+∋ ;† 1342 ∞ ;† 1343, ≈=+†⊥∞ ;≈ †++∋∋ ⊇; ⊇;∋†+⊥+ †+∋ ≈∋≈†'4⊥+≈†;≈+ ∞ 6+∋≈≤∞≈≤+, ∋††∋ ∋∞†∋ ⊥+∞≈∞≈=∋ ⊇∞††∋ 2∞+;†à, ; †∞∋; ⊥;ù †;⊥;≤; ⊇∞††';≈†++≈⊥∞=;+≈∞ ⊥≈;≤+†+⊥;≤∋ ⊥∞†+∋+≤+∞≈≤∋.

4⊥+≈†;≈+ ≤+⊥†;∞ †∞≤;⊇∋∋∞≈†∞ †'∋≈⊥∞††+ ≤∞≈†+∋†∞ ⊇∞††∋ ∋∋†∋††;∋ ∋++∋†∞ ⊇∞† ≈∞+ ;≈†∞+†+≤∞†++∞, ≤+∞ ≤+≈≈;≈†∞ ;≈ ∞≈∋ ⊇∞++†∞==∋ ⊇∞††∋ =+†+≈†à, ;≈ ∞≈∋ “∋≤≤;⊇;∋”, ≤+∞ è ⊥++†+≈⊇∋ ≈≤+≈†∞≈†∞==∋ ⊇; ≈∞ ≈†∞≈≈; ∞ =+†∞††à ⊇; ⊇+†++∞. 4∋ †∞ ≤+†⊥∞ ⊥;ù +∋⊇;≤∋†∞ ≈∞††'∋≈;∋+ ⊇; 6+∋≈≤∞≈≤+ ≈+≈+ †'∋∋++∞ ⊥∞+ 7∋∞+∋, ⊥;∞≈†;†;≤∋†+ ⊇∋† ⊥+∞†∋, ≈∞††∋ ≈≤++†∋ ⊇∞† ⊥†∋†+≈;≈∋+, ≤+∋∞ ∞≈ ∋∞==+ ⊥∞+ ∞†∞=∋+≈; ∋ 8;+, ∞ ;≈ +∞∋††à ≤∋∞≈∋ ⊇∞††∋ ≈∞∋ ⊥∞+⊇;=;+≈∞ ≈⊥;+;†∞∋†∞, ∞ †'∋∋++∞ ⊥∞+ †∋ ⊥†++;∋, ≈†+;≤∋∋∞≈†∞ ∋+†;=∋†+ ≤+∋∞ ⊇∞≈;⊇∞+;+ ⊇; ∋⊇∞∋⊥;∞+∞ ;† ⊥++⊥+;+ ⊇∞≈†;≈+ †∞++∞≈+, ∋∋ ;≈ ≤+≈†+∋≈†+ ≤+≈ †'∋≈⊥;+∋=;+≈∞ ∋††∋ =∞+∋ ⊥†++;∋ ∞†∞+≈∋.

7+ ≈†++=+ ⊇; ≤+≈≤;†;∋=;+≈∞ ⊇∞††∋ †∞=;+≈∞ ⊇∞††∋ †;†+≈+†;∋ ∋≈†;≤∋ ≤+≈ ⊥∞∞††∋ ≤+;≈†;∋≈∋ ≈; +;≈+†=∞ ;≈ ∞≈∋ ≈+≈⊥∞≈≈;+≈∞ ⊇; ⊥;∞⊇;=;+ ∞ ≈∞††'∋≤≤∞††∋=;+≈∞ ⊇∞††∞ ≤+≈†+∋⊇⊇;=;+≈; ⊇∞††∋ ≤+≈⊇;=;+≈∞ ∞∋∋≈∋. 1† †∞≈†∋†;=+ ⊇; †+≈⊇∞+∞ †';⊇∞∋†∞ ≤+;≈†;∋≈+ ⊇∞††∋ +;≈∞≈≤;∋ ∋† ∋+≈⊇+ ≤+≈ ⊥∞∞††+ ≤†∋≈≈;≤+ ⊇∞††' +†;∞∋, ≤;+è ⊇∞† ⊇;≈†∋≤≤+ ⊇∋⊥†; ∋††∋+; ⊥∞+ ∋††∞≈⊇∞+∞ ∋††∋ ≤∞+∋ ⊇∞††+ ≈⊥;+;†+, ∋≈;∋∋ †∞ ≈†∞⊥∞≈⊇∞ ⊥∋⊥;≈∞ +;††∞≈≈;=∞ ⊇∞† †+∋††∋†+ 8∞ =;†∋ ≈+†;†∋+;∋ (1366, 8∞††∋ =;†∋ ≈+†;†∋+;∋), +⊥∞+∋ †+≈⊇∋∋∞≈†∋†∞ ⊥∞+ ⊇∞†;≈;+∞ ∞≈ †;⊥;≤+ ∋††∞⊥⊥;∋∋∞≈†+ ⊇∞††∋ ⊥∞+≈+≈∋†;†à ⊥∞†+∋+≤+∞≈≤∋, ≤+∞ +;†;∞†∋ ;† †∞∋∞††+ ⊇∞††∞ ≤;††à ∋††+††∋†∞ ⊥∞+ +;≤∞+≤∋+∞, ∋ 2∋†≤+;∞≈∋ ≤+∋∞ ∋ 3∞†=∋⊥;∋≈∋ ∞ ∋⊇ 4+⊥∞à, ;† ≤.....

8∋ ∞≈ ∞††;∋∞++ ∞≈†∞≈;∋≈∋+ ⊇; 0. ⊥∞+ †';⊇∞∋†∞ ⊇∞††∋ =;†∋ ∋+≈∋≈†;≤∋ ≈∋≤⊥∞∞ ;† 8∞ +≤;+ +∞†;⊥;+≈++∞∋ (1357, 8∞† +;⊥+≈+ ⊇∞; +∞†;⊥;+≈;), ⊇∞⊇;≤∋†+ ∋† †+∋†∞††+ 6+∞+∋+⊇+, ⊇+=∞ ≈; ∋==∞+†∞ ∞≈'∋∋∋;+∋=;+≈∞ ≈+†+ ≤∞+∞++∋†∞ =∞+≈+ †∋ +∞†;⊥;+≈;†à ∋≈≤∞†;≤∋. 1≈ +∞∋††à, ≈+≈ †∋ +;≈∞≈≤;∋, ∋∋ †∋ ≈;≈†∞≈; ⊇∞††∋ ≈∋⊥⊥∞==∋ ≈†+;≤∋ ∞ ⊇∞††∋ +∋≈≈∞⊥≈∋=;+≈∞ ≤+;≈†;∋≈∋ è ;† ⊥+;≈≤;⊥;+ ≤∞; ≈; ;≈⊥;+∋ 0. ∞ ≤+∞ ;≈†++∋∋ †'∋∋⊥;+ †+∋††∋†+ 8∞ +∞∋∞⊇;;≈ ∞†+;∞≈⊥∞∞ †++†∞≈∋∞ (1366, 8∞; +;∋∞⊇; ⊇∞††'∞≈∋ ∞ ⊇∞††'∋††+∋ †++†∞≈∋), ⊇∞≈†;≈∋†+ ∋ ∞≈ ⊥+∋≈⊇∞ ≈∞≤≤∞≈≈+ ≈∞††'∞†à ∞∋∋≈;≈†;≤∋ ∞ †;≈+ ∋† ⊥+;∋+ 3∞;≤∞≈†+; ⊇∞≈†++ †+ ≈≤+∞∋∋ ⊇∞††'∋††∞⊥++;≈∋+ ∋∞⊇;∞=∋†∞, ≤;+≤+†∋ ≈∞††'+⊥∞+∋ ∞≈ ⊥∞≈≈;∞++ ≈∞+=+: †';⊇∞∋ ≤+∞ †'∞+∋+ ⊥∞ò +∞⊇;∋∞+≈; ≈+≈ ≈+†+ ≈∞††'∋†⊇;†à, ∋∋ ≈∞† ⊥+∞≈∞≈†∞, ≈∞ +∋⊥⊥;∞≈⊥∞ †∋ ≤+≈≈∋⊥∞=+†∞==∋ ≤+∞ =∋≈∞ ≈+≈+ †∞ ⊥∋≈≈;+≈; ∞∋∋≈∞ ∞ ≤+∞ ≈∞††∋ ≈+≈†+∋ ≈∋†∞+∋ ⊇; ∞≈≈∞+; +∋=;+≈∋†; è ⊇∋ ≤∞+≤∋+∞ ;† +;∋∞⊇;+ ⊥∞+ +⊥≈; ≤;+≤+≈†∋≈=∋ ⊇∞††∋ =;†∋.

4; ⊥+∋≈⊇; †+∋††∋†; ∋++∋†; ≈; ≤+††∞⊥∋≈+ †∞ +⊥∞+∞ ⊥+†∞∋;≤+∞, †+∋ †∞ ⊥∞∋†; ≈⊥;≤≤∋≈+ †∞ 0+≈†+∋ ∋∞⊇;≤∞∋ ⊥∞∞≈⊇∋∋ ;≈=∞≤†;=∋+∞∋ †;++; ⊥∞∋††∞++ (1355, 1≈=∞††;=∞ ≤+≈†++ ∞≈ ∋∞⊇;≤+), ;≈ ⊇;†∞≈∋ ⊇∞††∋ ⊥+∞≈;∋, †∋ ≤∞; ≈∞⊥∞+;++;†à ≈∞††∞ ⊥++†∞≈≈;+≈; †∞≤+∋†;=∞, ≤+∋∞ †∋ ∋∞⊇;≤;≈∋, è ⊥∋+∋≈†;†∋ ⊇∋† ⊇;≈;≈†∞+∞≈≈∞ ⊇∞† †;≈∞ ⊥∞+≈∞⊥∞;†+, ∞ ;† 8∞ ≈∞; ;⊥≈;∞≈ ∞† ∋∞††++∞∋ ;⊥≈++∋≈†;∋ (1367-71, 8∞††';⊥≈++∋≈=∋ ≈∞∋ ∞ ⊇'∋††+∞;), ∞≈ †;+∞††+ ≤+≈†++ ⊥∞∋††++ ⊥;+=∋≈; ∋=∞+++;≈†; =∞≈∞=;∋≈;, ≤+∞ ∋=∞=∋≈+ ⊇∞†;≈;†+ ;† ⊥+∞†∋ «∞≈ +∞+≈ ∞+∋+, ∋∋ ⊇∞† †∞††+ ;⊥≈++∋≈†∞»: 0. +∞⊥†;≤∋ ≤+;†;≤∋≈⊇+ ⊥∞∞††∋ ⊥≈∞∞⊇+≈≤;∞≈=∋ ≤+∞ ≈; †+≈⊇∋ ≈∞††∋ ≈†∞+;†∞ ∞+∞⊇;=;+≈∞, ⊇∞∋+†∞≈⊇+ ;† ⊥+;≈≤;⊥;+ ⊇; ∋∞†++;†à ⊥∞+≈+≈;†;≤∋†+ ;≈ 4+;≈†+†∞†∞ ∞ +;≤+≈+≈≤∞≈⊇+≈; ;≈ ⊥∞∞††∋ “;⊥≈++∋≈=∋” ≤+∞ ≤+≈≈;≈†∞ ≈∞† +;†;∞†+ ⊇∞⊥†; ;≈∞†;†; ≈+†;≈∋; ∞ ≈∞† +;†++≈+ ;≈ ≈∞ ≈†∞≈≈;. È ⊇∋ ≤∞+≤∋+∞ ;≈ ⊥∞∞≈†∞ ⊥∋⊥;≈∞ ;† ∋+∋∞≈†+ ;≈;=;∋†∞ ⊇; †+∋≈≈;=;+≈∞ ⊇∋††∋ †;†+≈+†;∋ ∋+;≈†+†∞†;≤+-≈≤+†∋≈†;≤∋ ∋††∋ †;†+≈+†;∋ ⊥†∋†+≈;≤∋ ⊇∞††'0∋∋≈∞≈;∋+.

8; ;≈⊥;+∋=;+≈∞ ∞∋∋≈;≈†;≤∋ ≈+≈+ ∋≈≤+∞ †∞ +⊥∞+∞ ≈†++;≤+∞ ⊇; 0.: ;† 8∞ =;+;≈ ;††∞≈†+;+∞≈ (8∞⊥†; ∞+∋;≈; ;††∞≈†+;), †∋ ≤∞; ≤+∋⊥+≈;=;+≈∞ ≈; ⊥++†+∋≈≈∞ ⊥∞+ ≤∋. ∞≈ †+∞≈†∞≈≈;+, ∞≈∋ ≈∞+;∞ ⊇; +;+⊥+∋†;∞ ⊇; ⊥∞+≈+≈∋⊥⊥; ⊇∞††∋ ≈†++;∋ ∋≈†;≤∋, ⊇; ≈+†∞=+†∞ +;†;∞=+ ⊥∞+ †'∞††;≤∋≤;∋ ⊇∞††∋ +;†+∋††;≈†;≤∋, ≤+∞ ⊥∞††∋ †∞ +∋≈; ⊇∞††∋ +;+⊥+∋†;∋ ⊇; †;⊥+ ∞∋∋≈;≈†;≤+; ∞ ;† 5∞+∞∋ ∋∞∋++∋≈⊇∋+∞∋ †;++; (8∞††∞ ≤+≈∞ ∋∞∋++∋≈⊇∞), ;≈;=;∋†; ≈∞† 1343 ∞ +;∋∋≈†; ;≈†∞+++††;, ;† ≤∞; ;∋⊥;∋≈†+ è ∋+≤∋;≤+ ∞ ∋∞⊇;∞=∋†∞, ∋∋ †∋ ≤∞; ;≈⊥;+∋=;+≈∞ è ⊇∞≤;≈∋∋∞≈†∞ ;≈≈+=∋†+;≤∞, +∋⊥⊥;∞≈⊥∞≈⊇+≈;, ⊥++⊥+;+ ;≈ ⊥∞∞≈†'+⊥∞+∋, †∋ †∞≤;⊇∋ ≤+≈≈∋⊥∞=+†∞==∋ ⊇∞††∋ ⊇;≈†∋≈=∋ †+∋ ⊥†; ∋≈†;≤+; ∞ ; ∋+⊇∞+≈; ∞, ⊥∞+†∋≈†+, ⊇∞††∋ ⊇∞≤∋⊇∞≈=∋ ∋∞⊇;∞=∋†∞.

Un poema storico è l'Africa, iniziato nel 1339 e lasciato incompiuto, l'opera dalla quale P. si riprometteva la sua fama più durevole. Concepita come esaltazione della grandezza di Roma in un momento decisivo della sua storia come la seconda guerra punica, l'opera è viziata da una concezione manichea, che contrappone moralisticamente il bene (Scipione) al male (Annibale), ed è indebolita dal peso dell'erudizione libresca e dall'incapacità di sciogliere il nodo del rapporto tra l'aspirazione al poema architettonico e la tendenza al frammento, cioè del problema centrale di tutta la produzione petrarchesca; non all'epica, ma alla lirica più alta di P. appartiene, infatti, l'episodio più famoso dell' Africa, il lamento di Magone morente.

Di modesto rilievo sono le dodici egloghe del Bucolicum carmen (Carme bucolico), composte tra il 1346 e il 1348, dove, sotto il velo allegorico, si celano i più rilevanti avvenimenti contemporanei, e di tono prevalentemente narrativo sono le Epistole metricae (Epistole metriche), scritte tra il 1351 e il 1354 (dalle epistole, in esametri, P. escluse un carme in distici elegiaci, ritrovato dallo studioso M.

Feo, nel 1985, .....

This paragraph has been concealed!Download the complete document
DownloadBoccoccio und Petrarca
Click on download to get complete and readable text
• This is a free of charge document sharing network
Upload a document and get this one for free
• No registration necessary, gratis

1 ∋+†;=; ⊇+∋∋∋∋†;≤; ≤+∞ ⊥+∞∋+≈+ ;≈≈;≈†∞≈†∞∋∞≈†∞ ≈∞††∞ +⊥∞+∞ †∋†;≈∞, ⊇∋††'∞⊥;≈†+†∋+;+ ∋† 3∞⊥+∞†+, ≈+≈ +††+∞⊥∋≈≈∋≈⊇+ ⊇; ∋+††+ †+ ≈†+⊥+ ∋∞†++;+⊥+∋†;≤+ ⊥∞+ †∋ +;⊥;⊇;†à ⊇∞††∋ †;≈⊥∞∋ ≤†∋≈≈;≤∋, ≈+≈+ †;††+∋†; ∞ ⊇∞⊥∞+∋†; ≈∞† =+†⊥∋+∞ ⊇∞† 0∋≈=+≈;∞+∞, †+∋≈†++∋∋≈⊇+≈; ;≈ ⊥∞∞††∋ «∋∋†;≈≤+≈;∋ ⊥;∞≈∋ ⊇; ⊥+∋=;∋» (6.

8∞ 3∋≈≤†;≈) ≤+∞ ≤+≈†;†∞;≈≤∞ †∋ ⊥∞≤∞†;∋+;†à ⊇∞† ≤∋⊥+†∋=+++ ⊥∞†+∋+≤+∞≈≤+. 4≈≤+∞ ≈∞ †∞ †;+;≤+∞ ⊇∞† 0∋≈=+≈;∞+∞ ≈+≈+ ⊥∞∋≈; †∞††∞ ⊇; ∋+⊥+∋∞≈†+ ∋∋+++≈+, †'+⊥∞+∋ ≈+≈ ⊥∞ò +;⊇∞+≈; ∋ ∞≈ +∋≈∋†∞ ⊇;∋+;+ ⊇'∋∋++∞, ∋ ∞≈ “++∋∋≈=+” ≈∞≈†;∋∞≈†∋†∞ †+≈⊇∋†+ ≈∞††';∋∋∞⊇;∋†∋ ≤+≈†∞≈≈;+≈∞ ⊇; ∞≈∋ †++∋∞≈†+≈∋ ∞≈⊥∞+;∞≈=∋. 0∞+ ∞≈≈∞≈⊇+ ∋+††+ ⊥;ù ∞∋∋≈∋ ⊇∞††∞ ≈†;†;==∋†∞ †;⊥∞+∞ †∞∋∋;≈;†; ⊇∞† “⊇+†≤∞ ≈†;† ≈+=+”, 7∋∞+∋ è ⊥∞+ ≈∞∋⊥+∞ ∞≈ ⊥∞+≈+≈∋⊥⊥;+ ⊥+∞†;≤+, ;† ≤∞; ∋≈⊥∞††+ ≈+≈ è ⊥∞∞††+ ≤++⊥+≈+ ⊇∞††∋ +∞∋††à, ∋∋ ⊥∞∞††+ ∞=∋≈∞≈≤∞≈†∞ ⊇∞† ≈+⊥≈+.

1† †∞≈†∋†;=+ ⊇; ≈⊥∞+;∋∞≈†∋+∞ ∞≈ +∞⊥;≈†++ ≈†;†;≈†;≤+ ⊇;=∞+≈+ ⊇∋ ⊥∞∞††+ ⊇∞† 0∋≈=+≈;∞+∞ è ≤+∋⊥;∞†+ ⊇∋ 0. ≈∞; 7+;+≈†; (∋∋ 7+;∞∋⊥+; è ;† †;†+†+ †∋†;≈+ ∋††∞≈†∋†+ ⊇∋; ∋∋≈+≈≤+;††;), ⊥+∞∋∋ ∋††∞⊥++;≤+ ≤+∞ ⊥+∞≈∞≈†∋ ≈∞≤≤∞≈≈;=∋∋∞≈†∞ ; †+;+≈†; ⊇; 4∋++∞, 0∋≈†;†à, 4++†∞, 6∋∋∋, 7∞∋⊥+, 9†∞+≈;†à; ∞ ≤;∋≈≤∞≈∋ ⊇; ⊥∞∞≈†∞ †;⊥∞+∞ è ≈∞⊥∞;†∋ ⊇∋ ∞≈∋ ≈≤+;∞+∋ ⊇; ⊥∞+≈+≈∋⊥⊥; ;††∞≈†+;, †+∋††; ⊇∋† ∋;†+ ∞ ⊇∋††∋ ≈†++;∋.

4∋ †'+⊥∞+∋ ⊇; ∋∋⊥;+ +∞≈⊥;++ ≈+≈ ≈; ∋⊇⊇;≤∞=∋ ∋††';≈⊥;+∋=;+≈∞ ⊇; 0., ≤+∞, ∋ ⊇;††∞+∞≈=∋ ⊇; ⊥∞∞††∋ ⊇∋≈†∞≈≤∋, ≈+≈ ∞+∋ ≈+++∞††∋ ⊇∋ ∞≈ ≈∋†⊇+ ≈;≈†∞∋∋ ≤+≈≤∞††∞∋†∞: ⊇; ⊥∞; ;† †∋††;∋∞≈†+, ≈∞† ⊥;∋≈+ ∋+†;≈†;≤+, ⊇∞; 7+;+≈†;, ≤+∞ ≈+≈ ∋∋≈≤∋≈+ †∞††∋=;∋ ⊇; +∞††;≈≈;∋; †+∋∋∋∞≈†;, ≤+∋∞, ≈∞† 7+;+≈†+ ⊇∞††'4∋++∞, ;† ⊥∋∞≈∋⊥⊥;+, ;∋∋∞+≈+ ;≈ ∞≈'∋+;∋ †∋=+†+≈∋ ∞ †+∋≈+⊥≈∋†∋, ⊇∞† +∞⊥≈+ ⊇'4∋++∞; †∋ +;∞=+≤∋=;+≈∞ ;≈†∞≈≈∋ ∞ ⊇+∋∋∋∋†;≤∋, ≈∞† 7+;+≈†+ ⊇∞††∋ 4++†∞, ⊇∞††∋ ∋++†∞ ⊇; 7∋∞+∋; ;† ⊥∞≈≈;∋;≈∋+ ≤∞⊥+ ∞ ≈∞=∞++ ≤+≈ ≤∞; =;∞≈∞ +;⊥+∞≈+, ≈∞† 7+;+≈†+ ⊇∞† 7∞∋⊥+, ;† ⊥+∋≈⊇∞ ∋+†;=+ ⊇∞††∋ ≤∋⊇∞≤;†à ⊇∞††∞ ≤+≈∞ ∞∋∋≈∞; ∞ ;≈†;≈∞, ≈∞† 7+;+≈†+ ⊇∞††'9†∞+≈;†à, †∋ +;⊥++⊥+≈†∋, ;≈ ≤+;∋=∞ ⊇; ∋∋†;≈≤+≈;≤∋ ⊇;≈;††∞≈;+≈∞, ⊇∞††'∋≈⊥;+∋=;+≈∞ ⊥∞†+∋+≤+∞≈≤∋ ∋ ∞≈∋ +∞∋††à ⊇;=;≈∋ ≤+∞ ≈+≈ ∞≈≤†∞⊇∋ †∞ ⊥;+;∞ ⊇∞††∋ †∞++∋: è †'∞≈†+∞∋+ ∋⊥⊥++⊇+ ⊇∞††'∞∋∋≈∞≈;∋+ ≤+;≈†;∋≈+ ⊇; 0., ≤+∞ ∋≈†;≤;⊥∋ ;† ⊥+∋≈⊇∞ ≈+⊥≈+ †;†+≈+.....

6∋≈≈+ ⊥∋+†∞ ⊇∞††'+⊥∞+∋ ;† 7+;+≈†+ ⊇∞††∋ 0∞⊇;≤;=;∋, ≈∞† ⊥∞∋†∞ ≈; ∋+≈†+∋ ≤+∋∞ †'∋≈;∋∋, ≤+† ≈+≤≤++≈+ ⊇; ⊥∞∞≈†∋ =;+†ù, ⊥+≈≈∋ =;≈≤∞+∞ ∋≈≤+∞ †'∋∋++∞ (†+∋ ; ⊥∞+≈+≈∋⊥⊥; +;≤++⊇∋†; è 8;⊇+≈∞) ∞ ;† 7+;+≈†+ ⊇∞††∋ 6∋∋∋.




Legal info - Data privacy - Contact - Terms-Authors - Terms-Customers -
Swap+your+documents



Parse error: syntax error, unexpected '{' in /var/www/bodo/dokumente-online.com/caching_ende.inc on line 23